Categorie
tecnologia

Udienze in presenza: un metodo di annotazione.

In questo post, parlo di udienze in presenza per distinguerle da quelle a distanza o a trattazione scritta.

Quelle a trattazione scritta sono delle vere e proprie non udienze, l’ho detto ormai tante volte, e si traducono in una ulteriore memoria da depositare, sia pure più breve delle altre.

Quelle a distanza sono udienze che a me piacciono molto, la soluzioni sulla quale, a mio giudizio, avrebbe dovuto puntare la Cartabia, e personalmente tendo a fare tutte personalmente, sia perché sono poche sia perché si perde generalmente poco tempo a farle, non «mangiandoti» l’intera mattina ma tutt’al più un’ora, quando durano molto.

Le udienze a distanza via Microsoft Team tendo ad annotarle inserendole semplicemente in calendario.

Tutte le altre, cioè quelle da fare di persona in tribunale, le annoto, insieme ai miei colleghi di studio, in un foglio google on line, condiviso con tutti i membri dello studio, in modo che ognuno possa sia visionarlo che editarlo.

Ovviamente questo foglio è sottoposto a backup. Per fare questo, utilizzo un’applicazione che si chiama Insync, che mi tiene sincronizzato il mio google drive in un disco locale, a sua volta poi sottoposto ad ulteriori forme di backup.

Da vedere, un foglio google è Excel, quindi un foglio elettronico, dove si possono mettere in fila dati per righe e colonne, dando un formato specifico a determinate celle o righe o colonne di celle. Ad esempio, la colonna destinata a contenere l’indicazione della data dell’udienza vede il formato «data» come preimpostato.

Ho adottato un sistema del genere, nel lontano 2012, quando ho smesso di avere un gestionale e ho deciso di appoggiarmi, per tutte le attività dello studio, solo su servizi di utilità generale e non specificamente dedicati agli avvocati, per ragioni di semplicità, apertura e comodità di realizzazione delle strategie di backup – una decisione che non rimpiango affatto: a tutt’oggi, continuo a sconsigliare di usare un gestionale, pur dopo essermene costruito uno io stesso, illo tempore, con Access 97, che funziona ancora tanto è vero che ci sono studi che ancora lo utilizzano quotidianamente.

Ovviamente, creo un foglio o sottofoglio ogni volta che si passa ad un anno nuovo. In basso a sinistra, si possono vedere elencati tutti i sottofogli, corrispondenti ai diversi anni di «esercizio», nell’immagine qui sotto gli ultimi quattro.

20240226 - schermata.

Se noti, di fianco agli anni precedenti al corrente 2024 c’è un lucchetto.

Questo perché ogni volta che termina un anno chiudo il foglio mettendo una protezione, impedendo che per errore qualcuno vada a segnare in un anno diverso dal corrente un’udienza, cosa che per distrazione può sempre capitare.

Questa funzione di protezioe, offerta da fogli di google, è molto utile.

Naturalmente, il foglio elettronico è raggiungibile, consultabile e modificabile da qualsiasi dispositivo, sia da scrivania che mobile, e con qualsiasi sistema operativo, senza bisogno di installare niente, a condizione di disporre dei permessi necessari.

Personalmente, per aprire il foglio udienze utilizzo Alfred, il mio launcher di elezione sul Mac, con un workflow che legge i segnalibri di Mozilla Firefox. Per acedere al file, dunque, è sufficiente per me invocare Alfred e poi scrivere BM che sta per bookmark e «udienze», per vedere comparire il segnalibro che punta al file (Alfred fa una ricerca con la chiave «udienze» tra tutti i segnalibri di Firefox). Lo puoi vedere in azione nell’immagine che segue:

20240226 - schermata-1.

Per la modifica del file, utilizziamo un sistema di doppio controllo: l’udienza è inserita da me una volta che ricevo il provvedimento o il verbale in cui è prevista, poi, quando il documento viene mandato al cliente, viene mandato anche alla mia assistente che ha il compito di andare a controllare che io abbia inserito l’udienza in modo corretto.

In questo modo, e grazie a Dio, per il momento non abbiamo mai bucato un’udienza in diversi decenni…

E tu, che sistema utilizzi per annotare le tue udienze in presenza?

Scrivimelo qui sotto nei commenti.

Se hai domande sul mio sistema, ugualmente lascia un commento, risponderò.

Se vuoi migliorare la tua pratica legale, chiama adesso il numero 059 761926 per prenotare la tua prima sessione di coaching con me, in presenza o tramite video chiamata.

 

Vuoi diventare un avvocato migliore? Fai subito quanto segue, è tutto gratis: 

  • 💌 iscriviti a questo blog, inserendo la tua mail in calce, e dando poi conferma dentro la tua mail: riceverai gratuitamente il post della settimana, ogni giovedì, con informazioni fondamentali per il tuo lavoro;

  • 📺 guarda questo video per sapere quali altre risorse gratuite puoi sottoscrivere per ricevere contenuti utili per la tua professione di avvocato 

  • 📧 iscriviti anche al blog terre dell’anima, il mio blog dedicato al counseling e al benessere spirituale delle persone, anche là c’è solo un post alla settimana, al mercoledì.

  • 💬 entra nelle community di «fare l’avvocato è bellissimo»: 

    – su telegram

    – su facebook

  • 😍 metti like a questo post, se ti è piaciuto, condividilo liberamente pubblicandolo nei social e/o inviandolo a tutti i colleghi avvocati cui potrebbe essere utile.
Categorie
tecnologia

Thunderbird e archiviazione pec: non aggiornarlo!

Se segui il mio tutorial su come archiviare correttamente i messaggi pec – e se non lo segui, dovresti farlo – usi Thunderbird con il suo programma aggiuntivo ImportExportNG.

Trovi il tutorial descritto in questo post e in questo video.

Il problema è che le nuove versioni di Thunderbird non supportano più ImportExport.

Oggi ho avuto bisogno di archiviare i miei messaggi perché ricevevo errori di casella piena (anche se tale non veniva mostrata dagli stessi programmi di posta, che la riportavano all’82%, cosa per cui sospetto un problema di Aruba) e purtroppo ho scoperto che i Thunderbird che avevo installato sulle mie macchine erano stati aggiornati, mentre il plugin per l’esportazione nel frattempo non era stato sviluppato per essere compatibile con le nuove versioni.

Fare il downgrade di Thunderbird purtroppo non risolve rapidamente, perché quando installi una versione anteriore Thunderbird vuole che ricrei da capo il profilo coi tuoi dati, cioè devi riconfigurare da capo tutti i tuoi account. 

Se hai un backup, puoi andare a prendere il vecchio profilo, compatibile con la versione anteriore di Thunderbird che ti serve, dal backup stesso. Nel Mac, lo trovi nella cartella Library dell’utente, sottocartella «Thunderbird».

Per fortuna, avevo un Mac che non accendevo da tempo, un Air del 2013 – pensa, una macchina di oltre 10 anni fa – che tuttora si può utilizzare benissimo per lavorare, anche se l’avevo trascurato a favore di altre macchine più recenti.

In questo Mac, per fortuna, c’era una versione anteriore di Thunderbird, così ho potuto fare il backup.

Ti lascio un po’ di dati di riferimento.

Attualmente, il plugin ImportExport supporta Thunderbird fino alla versione 102 (la versione attuale invece è la 115).

Per scaricare le versioni anteriori di Thunderbird, si può andare qui.

La cosa importante, se fai ancora in tempo, è non aggiornare il tuo Thunderbird. Se per caso l’hai già aggiornato, non ti rimane invece che fare il downgrade e, se ne disponi, recuperare un profilo compatibile con la versione 102, altrimenti ricrearne uno da capo.

Chiama adesso il numero 059 761926 per prenotare la tua prima sessione di coaching con me, in presenza o tramite video chiamata.

Vuoi diventare un avvocato migliore? Fai subito quanto segue, è tutto gratis:

  • 💌 iscriviti a questo blog, inserendo la tua mail in calce, e dando poi conferma dentro la tua mail: riceverai gratuitamente il post della settimana, ogni giovedì, con informazioni fondamentali per il tuo lavoro;

  • 📺 guarda questo video per sapere quali altre risorse gratuite puoi sottoscrivere per ricevere contenuti utili per la tua professione di avvocato

  • 📧 iscriviti anche al blog terre dell’anima, il mio blog dedicato al counseling e al benessere spirituale delle persone, anche là c’è solo un post alla settimana, al mercoledì.

  • 💬 entra nelle community di «fare l’avvocato è bellissimo»:
  • 😍 metti like a questo post, se ti è piaciuto, condividilo liberamente pubblicandolo nei social e/o inviandolo a tutti i colleghi avvocati cui potrebbe essere utile.

Categorie
tecnologia

Tecnoguru: per avvocati smanettoni.

Quando ho creato questo blog dedicato agli avvocati, ho pensato di mettere qui dentro tutti i miei post in materia di tecnologia, dal momento che diversi avvocati, da bravi liberi professionisti, sono interessati a come automatizzare il loro lavoro, usare meglio il computer e più in generale alla tecnologia.

Dopo alcuni mesi ho però dovuto constatare che la maggior parte degli argomenti trattati va molto al di là delle capacità tecnologiche dell’avvocato medio: argomenti come le automazioni con “keyboard maestro”, con comandi rapidi di macOS, ma anche tanti altri, sono da considerarsi per utenti avanzati.

A tale considerazione ho abbinato il fatto che questi stessi argomenti possono essere utili benissimo anche per molti imprenditori o utenti del computer che non sono avvocati, così ho deciso di creare un blog apposito di tecnologia.

In questo blog di fare l’avvocato è bellissimo continuerò a inserire i post tecnologici di stretto interesse per gli avvocati, come ad esempio quelli relativi al funzionamento del processo civile telematico, mentre tutto quanto è per utenti avanzati o comunque di interesse generale sarà sul nuovo blog.

Ovviamente se invitato ad iscriverti anche a questo nuovo blog, dove puoi trovare contenuti utilissimi: non ci sono solo argomenti avanzati e per pochi ma a volte anche spunti utilizzabili da tutti.

Il nuovo blog si trova all’indirizzo www.tecnoguru.it.

Collegati ed iscriviti oggi stesso.


Chiama adesso il numero 059 761926 per prenotare la tua prima sessione di coaching con me, in presenza o tramite video chiamata.

Vuoi diventare un avvocato migliore? Fai subito quanto segue, è tutto gratis:

  • 💌 iscriviti a questo blog, inserendo la tua mail in calce, e dando poi conferma dentro la tua mail: riceverai gratuitamente il post della settimana, ogni giovedì, con informazioni fondamentali per il tuo lavoro;

  • 📺 guarda questo video per sapere quali altre risorse gratuite puoi sottoscrivere per ricevere contenuti utili per la tua professione di avvocato

  • 📧 iscriviti anche al blog terre dell’anima, il mio blog dedicato al counseling e al benessere spirituale delle persone, anche là c’è solo un post alla settimana, al mercoledì.

  • 💬 entra nelle community di «fare l’avvocato è bellissimo»:
  • 😍 metti like a questo post, se ti è piaciuto, condividilo liberamente pubblicandolo nei social e/o inviandolo a tutti i colleghi avvocati cui potrebbe essere utile.

Categorie
consigli

Sul mercato per un nuovo portatile?

Scrivo questo post per tutti quelli che mi chiedono quale computer prendere.

Se devi prendere un nuovo computer, la scelta migliore attualmente é l’Air della Apple con m1. Ti lascio in link in fondo al post. Tra l’altro oggi è in offerta su Amazon, che, almeno come servizio, é sempre la scelta migliore per acquistare.

Se non hai esigenze specifiche, e ti serve per un uso di tipo generalista, non puoi trovare niente di meglio.

Nemmeno come prezzo, che forse ti può apparire alto mentre invece è bassissimo considerando la qualità dei materiali e del progetto, una batteria dalla durata incredibile, la disponibilità di un sistema operativo meraviglioso come MacOS, tante altre caratteristiche ma soprattutto la durata nel tempo di un investimento del genere.

A questo ultimo riguardo, ti posso dire che il mio ultimo Air, un 11 pollici del 2012, l’ho usato in studio, come mia macchina principale di produzione, fino al mese scorso, quando l’ho sostituito, dopo oltre dieci anni, con un Air M1 come quello che consiglio qui.

Dunque, i Mac costano molto meno dei PC, se guardi la cosa dall’alto e lungo tutto il periodo di utilizzo. Usare una macchina 10 anni significa pagare meno di 100€/anno per il suo utilizzo, praticamente niente.

Se non hai proprio il denaro a disposizione, prendi un Chromebook. Ma un portatile Apple é meglio, potendo.

https://amzn.to/3daU1Ft

Categorie
tecnologia

MacOs Ventura: invio ritardato delle mail.

In questi giorni sto provando le diverse – non molte, peraltro – novità di macOS Ventura, tra cui anche quelle di invio ritardato delle mail e «snoozing» delle mail in entrata, disponibili peraltro da molti anni su tutti gli altri sistemi di mail, che possono essere utili per chi – poveretto – usa ancora in modo massiccio la messaggistica, a differenza di quanto faccio io, che ormai la uso, raramente, solo in uscita, salvo ovviamente la posta elettronica certificata.

Verrebbe da dire «meglio tardi che mai» per quanto riguarda queste funzioni, in realtà purtroppo, almeno per quanto riguarda la funzione di invio ritardato, l’implementazione è piuttosto limitata.

avviso invio ritardato messaggio

 

Tentando di programmare un messaggio per l’invio dilazionato, compare questo messaggio. Ciò significa che, a differenza di altre implementazioni che si appoggiano su server esterni, come boomerang per gmail, questa di Apple funziona solo su base locale.

Ciò significa, ulteriormente, che se programmi l’invio di una mail alle otto di sera poi spegni il computer, la mail non parte finché non lo riaccendi, quindi non puoi fare affidamento sull’orario preciso di invio dilazionato.

È importante capire bene come funziona questa possibilità di dilazionare l’invio delle mail.

Iscriviti al blog per ricevere gratis contenuti come questo.

Chiama lo studio al numero 059 761926 per prenotare la tua call gratuita per capire come funziona il mio coaching per avvocati.

Categorie
tecnologia

MacOS Ventura esce oggi: meglio non aggiornare.

Note dell’episodio.

Oggi ti parlo della nuova versione di macOS che esce oggi, Ventura, e del perché è preferibile non aggiornare il sistema operativo, specialmente negli ambienti di produzione e cioè nelle macchine che usi per lavoro.

Sei un avvocato?

Altre risorse digitali non giuridiche

Trovi tutte le mie altre risorse digitali, non giuridiche ma di diverso argomento, al sito vienimidietro

Conclusioni.

  • Iscriviti ora al blog, al podcast al canale youtube degli avvocati dal volto umano e a tutte le altre risorse per ricevere gratuitamente tutti i futuri aggiornamenti.
  • Se ti serve assistenza professionale, chiama il numero 059 761926 e prenota un appuntamento oppure acquista adesso direttamente da qui
Categorie
tecnologia

Macupdater: aggiornato con alcune modifiche.

Ti ho già parlato di MacUpdater, un software per tenere aggiornate le applicazioni sul tuo mac.

In questi giorni è stata rilasciata una nuova versione con alcune interessanti novità, che ti cito direttamente dal changelog:

2.3.0 (Sep 2022):
• Improved support for macOS 13 ‘Ventura’
• Support for directly installing updates with packages (.pkg) without entering a password
• You can now directly update apps from the ‘Update Found’ notifications
• Reliability improvements when directly installing updates with packages (.pkg)
• Reliability improvements when installing updates with the privilged helper
• Resolved minor issues with our command-line client ‘macupdater_client’
• Resolved issue where updates that are incompatible with your macOS version would show up
• Add support for the new (and more reliable) macOS 13 native ‘Launch at Login’ facility
• Add support for CLAP audio plugin format (PRO)
• Improved stability in some corner cases
• Improved support for ‘Dark Mode’ in the menubar interface
• Improved support for making backups on external disks that are not always connected
• Scan times are now relative dates that should be easier to read
• Minor performance improvements when scanning a large number of apps

Ovviamente ti consiglio di aggiornare anche MacUpdater.

Ricordati sempre che aggiornare i programmi che utilizzi è soprattutto un fattore di sicurezza informatica per le tue macchine e per i dati dei tuoi clienti.

Iscriviti al blog per ricevere gratuitamente tutti i futuri post.

Chiama il numero 059 761926 per prenotare la tua call gratuita sul mio coaching per avvocati.